Notizie

Il tappo antirabbocco e gli allergeni

Hosteria il Castelletto Tappo antirabbocco PasquinoniIl tappo antirabbocco e gli allergeni: due novità legislative del mese di Dicembre 2014

Nei prosimi giorni entreranno in vigore due norme europee che coinvolgeranno direttamente tutti i ristoranti e bar italiani.

L'8 dicembre 2014 si parlerà di tappi antirabbocco per quanto riguarda le bottiglie di olio. Sarà infatti obbligatorio utilizzare delle speciali bottiglie dotate di un dispositivo che non ne permette il riempimento.
Con grande soddisfazione potremo proporvi il pregiato Olio extravergine di oliva dell'Oleificio Pasquinoni che, dalle dolci colline dell'entroterra romagnolo, ci farà arrivare il suo olio ottenuto solo esclusivamente con olive raccolte e lavorate in Italia dalla consorzio di produttori riminesi. Una garanzia in più per i nostri Clienti.
 
Il 13 dicembre 2014 entrerà invece in vigore un regolamento europeo che ha tanto spaventato molti operatori del settore ma che, per noi, sarà invece l'occasione per proporvi un Menù innovativo ancor più vicino alle esigenze dei nostri Clienti. Da quel giorno sarà infatti obbligatorio indicare nel nostro Menù, per ogni pietanza, l'elenco delle sostanze che possono provocare allergie alimentari.
Per l'occasione Vi presenteremo un nuovo porta menù, prodotto artigianalmente da una storica azienda del nostro comune (Clam), che sarà il degno involucro di un lungo e laborioso lavoro di analisi delle nostre ricette e dei relativi ingredienti che Vi permetterà di conoscere tutti gli allergeni alimentari contenuti in essi. L'elenco degli allergeni sarà disponibile a questo indirizzo internet www.ilcastelletto.info/allergeni.pdf e sarà costantemente aggiornato.
 
Due sfide importanti e stimolanti alle quali arriveremo pronti!

 

 

 

 

 

 

Ticket Restaurant Smart Card

Hosteria il Castelletto Ticket Restaurant CardDa oggi accettiamo la carta elettronica (buoni pasto) Ticket Restaurant Card di Edenred.

Cogliamo l'occasione per informarVi che accettiamo i buoni pasto solo a pranzo e solo nei giorni feriali.

Ristorante dog-friendly

Hosteria il Castelletto Dog FriendlyRispondiamo con piacere alla richiesta di un nostro Cliente di permettere l'accesso al ristorante degli amici a quattro zampe.

Vi informiamo pertanto che presso il Castelletto è consentito portare i vostri cani.

Per rispettare la sensibilità dei Clienti che non gradiscono la presenza in sala di un animale chiediamo ai proprietari di segnalarci la presenza di un cane in fase di prenotazione ed ai Clienti che non li gradiscono di segnalarcelo in modo da cercare un tavolo, compatibilmente alla disponibilità di posti, in una sala più adatta. Per garantire un'atmosfera serena potrebbe essere limitato ad uno il numero di cani ammessi in ogni sala.

L'ingresso degli animali nei pubblici esercizi dovrà comunque essere effettuato secondo quanto previsto dalla normartiva comunale che è consultabile sul nostro sito (link a Regolamento comunale 1 e art 29 di Regolamento comunale 2).

E' arrivato il momento di cambiare modo di bere!

Hosteria il Castelletto SafeCup infoE' arrivato il momento di cambiare modo di bere!

Da Borgonovo Valtidone (Piacenza), ridente borgo dei Colli piacentini, un nuovo rivoluzionario calice per la degustazione dei nostri vini.

E' sufficiente muovere il bicchiere in senso antiorario con moto orbitale ed asse verticale, facendo infrangere il vino contro le costolature interne al bicchiere per creare una reazione chimico-meccanica, che consente al vino di sprigionare tutte le sue qualità senza l'utilizzo di un decanter.

Dal punto di organolettico le qualità maggiormente attivate sono:
Profumo: muovendo il bicchiere si ottiene l'ossigenazione del vino, che consente d'attenuare il forte impatto dell'odore dell'alcol sul nostro senso olfattivo, consentendogli di sprigionare tutti gli aromi ed i profumi che solitamente possono essere apprezzati sola dai più esperti intenditori.
Ossigenazione ai fini della decantazione: utilizzando questo calice non è necessario stappare e decantare i vini importanti ore prima della degustazione. Grazie all'azione dell'ossigenazione prodotta dal movimento, qualunque bottiglia potrà essere aperta ed immediatamente degustata.

E' stato inoltre scientificamente dimostrato che l'utilizzo di questo calice ha significative qualità salutistiche.
Grazie infatti all'eliminazione dell'anidride carbonica in eccesso si ottiene una diminuzione della quantità di alcol assorbita dal corpo umano (-30%) e quindi una minor alterazione delle normali capacità sensoriali ed una riduzione dell'assorbimento delle calorie (-30%).

Utilizziamo questo calice per tutti i nostri vini importanti o per quelli invecchiati e, a richiesta, anche per quelli più giovani o per il vino della casa.

 

 

La nostra birra Winterlude - Campione d'Italia 2012

Hosteria il Castelletto Birra WinterludeLa nostra birra Winterlude - Campione d'Italia 2012

Da anni vi proponiamo le birre emiliane del Birrificio del Ducato (Roncole Verdi di Busseto - Parma) come perfetto abbinamento per il Gnocco Fritto e per tutte le nostre Specialità emiliane.

Con grande orgolgio vi informiamo che anche quest'anno, per la seconda volta consecutiva, la Birra Winterlude ha vinto il premio di campione d'Italia per la categoria "Tripel/Triple" nel Campionato Italiano Birre Artigianali (CIBA) organizzato dall'Associazione Degustatori Birra.
La particolarità del concorso consiste nel meccanismo di raccolta delle birre da giudicare, acquistate in forma anonima sul mercato, poi degustate da una giuria tecnica selezionata. Si tratta dell'ennesimo prestigioso riconoscimento che sottolinea la missione di questo birrificio di "proporre birre di Eccellenza che siano fatte di passione e conoscenza, cultura e innovazione".

Corriere della Sera: Gnocco fritto e atmosfera amichevole

Corriere della Sera: Gnocco fritto e atmosfera amichevole

Hosteria il Castelletto Corriere della Sera

Con grande piacere Vi invitiamo a leggere l'edizione di oggi (14/03/2013) del Corriera della Sera (Milano). Nella rubrica "La città da vivere./ A tavola" a cura di Valerio M. Visintin, troverete una bella recensione sul nostro ristorante.

Ecco come ci descrive il giornalista:

Gnocco fritto e atmosfera amichevole
Così vicino e così lontano. A un tiro di schippo dalla città ha luogo un frammento di cultura rurale e gastronomica piacentina, raccolto nel corpaccione di quella che fu una locanda. Al timone c'è tutta la famiglia Platé che si divide tra le sale e la cucina. Nel menu brillano piatti schiettamente tradizionali come: gnocco fritto e tigelle (altrimenti note come crescentine) da accompagnare ai formaggi e ai salumi (culatello, coppa, pancetta...), pisarei e fasò, tortelli di erbette, arrosto di coppa o brasato d'asina. E il conto è un comiato amichevole e popolare, quanto l'atmosfera che aleggia tra i tavoli: sui 30 euro, bere a parte. Per trovare posto nel fine settimana, prenotare per tempo. (Valerio M. Visintin)"

DOVE Viaggi: Premiate Trattorie Emiliane

Hosteria il Castelletto Dove ViaggiDOVE Viaggi: Premiate Trattorie Emiliane 

Con grande piacere Vi invitiamo a leggere l'edizione di Febbraio 2013 di DOVE Viaggi, il mensile leader nel settore del tempo libero in Italia edito dal Gruppo RCS Mediagroup (www.DoveViaggi.it).

Un lungo articolo dedicato alle Premiate Trattorie Emiliane dal titolo: "Tavole povere, gusto ricco. Che Gnocco!" che illustra il "cibo migliore del mondo" in un percorso lunga la via Emilia attraversando le province di Bologna, Parma, Reggio Emilia con destinazione finale Milano.

In questo lungo itinerario gastronomico veniamo indicati come uno dei due ristoranti in cui “mangiare al meglio” il gnocco fritto.

Ecco come ci descrive la rivista:

Il gnocco fritto di Modena trova il suo giusto habitat all’Hosteria il Castelletto di Peschiera Borromeo, pochi chilometri a est di Milano.
La famiglia Platè gestisce questo indirizzo da 18 anni, ma i locali hanno origini ottocentesche: locanda prima, osteria e trattoria poi. L’arte di Piero e Franca, piacentino lui, modenese lei, affiancati dai figli Federica e Daniele, è abbinare allo gnocco coppa, salami, culatello, mandolino (culatello con la cotenna) e fettine di Parmigiano 24 mesi ben cosparse di vero balsamico tradizionale.
Imperdibile la giardiniera di verdure.
Le crescentine, originarie del Frignano (Modena), al Castelletto accompagnano i formaggi: Squacquerone, caciotte morbide, Straleggio e, passando dal salato al dolce, le confetture artigianali dell’Appennino, di nocciole o mirtillo nero.
La pasta fresca è fatta in casa da una sfoglina. Ecco quindi i buoni pisarei e fasò piacentini e i tortelli verdi di magro fatti a forma di caramella. Ancora: tortelloni della nonna ripieni di ricotta e spinaci , ravioli di brasato o di gallina, i singolari fiori di Squacquerone e aghi di pino: gnocchi piacentini di di ricotta, pane e spinaci.
Fra i dolci, la vecchia, cara zuppa inglese con l’Alchermes, poco britannica, ma tipicamente emiliana fin dal Rinascimento.
E Verdi? E Parma? Sono nel bicchiere: con la Fortana, il Lambrusco Maestri di Zibello e le birre artigianali di Roncole Verdi: Via Emilia, Winterlude e Krampus.

Il Formaggio di Fossa di Sogliano

Hosteria il Castelletto Formaggio Fossa.001

Il Formaggio di Fossa di Sogliano DOP

Il Formaggio di Fossa è una specialità gastronomica tipica di Sogliano al Rubicone (comune della provincia di Forlì-Cesena).

Il rigido disciplinare di produzione prevede che il formaggio di partenza, già parzialmente stagionato, debba essere preparato esclusivamente con latte ovino, vaccino o misto di alta qualità e proveniente rigorosamente da allevamenti dei territori collinari e montani della Romagna.
Le forme vengono deposte in antiche fosse a forma di fiasco (immagine allegata), scavate nella roccia arenaria per una profondità di circa tre metri.
Questa tradizione nacque in epoca medievale: i contadini soglianesi, alla fine della primavera, venivano in paese per affidare i loro formaggi agli infossatori, affinchè li conservassero durante l'estate e li proteggessero dalle razzie delle guerre; in novembre tornavano poi a ritirare le forme e, in tal modo, potevano far fronte alle ristrettezze dell'inverno.
Grazie alla lunga stagionatura che dura ben 90 giorni, il formaggio acquisisce un gusto forte ed un aroma intenso, una maggiore digeribilità e migliori caratteristiche nutritive. Causa inoltre una perdita di siero e di grasso e, mediante la compressione dovuta al peso, fa perdere a gran parte dei formaggi la loro forma rotonda.

L'ottimo sapore ed il gusto deciso del formaggio di fossa, ricco di sentori erbacei, lo rendono uno degli ingredienti tipici dell'Emilia Romagna più adatti per la preparazione di pasta fresca ripiena.

Non poteva quindi mancare nel nostro laboratorio un Raviolo ripieno di Formaggio di Fossa di Sogliano Dop. La sfoglia che racchiude il formaggio è una variante della classia sfoglia emiliana dal colore particolarmente intenso. Il ripieno è caratterizatto dalla generosa quantità di formaggio di Fossa ovino ed è il più semplice possibile in modo da esaltare maggiormente gli aromi caratteristici di questo formaggio. Lo serviamo con una gustosissima crema di panna e porri.

Per maggiori informazioni sul Formaggio di Fossa consulta il sito del nostro selezionato fornitore: "Tera, infossatori per passione"

I Diamanti delle dolci Colline Riminesi

Hosteria il castelletto Olio ArimolioDalle Colline Romagnole il nostro nuovo Olio extravergine d'oliva

Un oleificio della provincia di Rimini che tramanda di generazione in generazione l'esperienza, la passione, l'amore per ottenere un olio extravergine di oliva di eccellente qualità.

Sulle dolci colline dell’entroterra romagnolo, accarezzate da un clima reso mite dalla presenza del mare, i lussureggianti oliveti trovano uno degli ambienti più favorevoli alla sua coltivazione. Dalla miscela di olive Correggiolo, Frantoio, Leccino ed una minoranza di Moraiolo e Rossina si ottengono così i “I Diamanti delle dolci Colline Riminesi“.

L'Arimolio è l'olio dei Colli Riminesi che vi proponiamo abbinato alle nostre Specialità Emiliane. Caratterizzato dalla bassissima acidità che non supera mai lo 0,1% - 0,2% in acido oleico e dalla particolare composizione acidica e di sostanze fenoliche che ne hanno fatto il miglior extra vergine in assoluto per fragranza, sapore, caratteristiche organolettiche e nutrizionali anche al "Palato" dei più esperti assaggiatori. Premiato fra i tre migliori d’Italia nella sua categoria a Oro giallo 2011.

 

 

 

 

Giardiniera piacentina: una gustosa specialità emiliana

Hosteria_il_Castelletto_Giardiniera_Piacentina

Giardiniera piacentina: una gustosa specialità emiliana!

Con grande soddisfazione vi presentiamo la nostra nuova Giardiniera di verdure piacentina.
La Giardiniera è una ricetta tipica della tradizione contadina della bassa modenese e del piacentino. Veniva preparata in agosto, quando le verdure abbondavano, per essere poi gustata nei mesi invernali, come contorno alle carni sia lesse che arrosto. La preparazione richiedeva un’intera giornata e coinvolgeva tutta la famiglia ed ogni casa aveva la sua personale ricetta.

Quella che vi proponiamo noi è prodotta da una storica azienda agricola presente da ben quattro generazioni nelle campagne piacentine.
L'abbiamo scoperta per caso durante i nostri tour nelle terre emiliane alla ricerca di fornitori di prodotti autentici locali.
Questo produttore si distingue per l'utilizzo di sole materie prime coltivate naturalmente nel rispetto e nella tutela dell'ambiente e per la trasformazione dei prodotti che mantiene l'impronta delle antiche ricette della bassa piacentina e non prevede l'utilizzo di conservanti, coloranti e altri prodotti normalmente utilizzati nel settore industriale.
Tutto questo fa sì che il prodotto sia realmente autentico ! Ma un fattore ci ha spinto a proporverla, al di la della teoria. Questa Giardiniera è davvero favolosa, irresistibile, gustosissima ed allo stesso tempo delicata. Così buona che non sembra bastare mai !

Ve la proponiamo come abbinamento ai nostri secondi di carne, agli affettati ed ai formaggi che serviamo con il Gnocco Fritto e le Crescentine (Tigelle). L'abbiamo inoltre inserita in due nuove edizioni del nostro Menù degustazione emiliano (per scaricare le nostre nuove proposte clicca qui).

Non vediamo l'ora di farvela assaggiare!

 
You are here Ristorante Notizie

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per maggiori informazioni puoi leggere la nostra Privacy Policy.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.