La Cantina

La Cantina

Novità sul nostro Menu

Selezione vini cantina del Ristorante Il Castelletto

Da Zibello, il paese del Culatello, tre nuovi vini: la Fortana, il Lambrusco Maestri e lo Spumante Brut di Fortana.

La Fortana  è un antico vitigno autoctono di un bel rosso brillante con tonalità violacee. Al naso si presenta complesso con gradevoli sentori di frutta rossa. La nota più bella a questo vino la conferiscono i terreni, sabbiosi, dove poggiano le viti. Gustando il vino ci immergiamo nelle quiete mattine primaverili sul delta del Po, quando il primo sole dissipa dolcemente le nebbie mattutine lasciando sentori di bosco e sabbia ancora umida. La gradazione alcolica molto contenuta e l’ elegante dolcezza iniziale lo rendono di facile beva. Si sposa perfettamente con piatti e prodotti della tradizione gastronomica Emiliana.

Il Lambrusco Maestri, come la Fortana, è ottenuto da uve coltivate sui terreni sabbiosi del Po che lo rendono caratteristico per sapidità ed aromi. Rosso brillante con tonalità violacee è un vino fragrante, con note di lampone, ciliega e spezie. La nota dolce è contenuta ed il vino si presenta profondamente elegante e fine. Acidità molto composta ed equilibrata unita ad un ottima persistenza. Anche questo vino, come la Fortana, si sposa perfettamente con i prodotti ed i piatti della tradizione Emiliana.

Lo Spumante di Fortana Metodo Classico è un vino che sorprende prima agli occhi, poi al naso e infine in bocca. Sotto l’aspetto visivo, bellissimo il colore e il fine il perlage. Al naso presenta sentori di frutta bianca ed una delicata crosta di pane. In bocca risulta estremamente gradevole ed armonico, dotatato di bella struttura e grassezza, unitamente ad una bellissima vena acida che lo rende estremamente fresco ed elegante. Le bollicine si sposano perfettamente con ogni tipo di piatto rendendo questo vino estremamente versatile.

Vino e Visciole (Amarene), da un’antica ricetta un ottimo vino ideale per accompagnare la Sbrisolona Piacentina ed i nostri dolci fatti in casa. Amato dal Duca Federico da Montefeltro a fine pasto come Elisir d’Amore…

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest